Via Cernaia 14/A, Torino

Tel. 011/545009

 

Dal Lunedì al Sabato

8:00 – 20:00

info@farmaciapensa.it


Warning: trim() expects parameter 1 to be string, object given in /home/farman78/public_html/pensa/wp-content/plugins/select-core/widgets/blog-list-widget/blog-list.php on line 85

Articoli recenti

  • No products in the cart.
Image Alt

Come combattere la ritenzione idrica

Come combattere la ritenzione idricadurata lettura di 2 min

La ritenzione idrica, ovvero la tendenza a trattenere liquidi nell’organismo che si accumulano negli spazi tra le cellule, è un disturbo fastidioso che colpisce in particolare le donne. La ritenzione idrica si manifesta come un gonfiore anomalo diffuso su addome, cosce, glutei e caviglie, che sono le zone su cui c’è maggiore predisposizione al deposito di tessuto adiposo.

All’origine del ristagno di liquidi c’è spesso una stasi della circolazione venosa e linfatica. È importante non confondere la ritenzione idrica con la cellulite: le aree interessate e la manifestazione visiva sono simili, ma questi due disturbi hanno cause diverse. La cellulite, a differenza della ritenzione, è infatti un’infiammazione del tessuto sottocutaneo che provoca rigonfiamento e pelle a buccia d’arancia.

Come capire se è ritenzione idrica?

Premendo sulla zona gonfia con un dito e rilasciando, se è ritenzione idrica l’impronta rimarrà per qualche secondo. Questo test manuale fornisce una prima indicazione, a cui è possibile far eseguire un’analisi delle urine che stabilisce la presenza di sali minerali, tra cui il sodio.

Quali rimedi per la ritenzione idrica?

  1. LO SPORT: Il nuoto è il miglior rimedio per la ritenzione idrica, ma anche le passeggiate a passo sostenuto servono a rinforzare la microcircolazione; consigliamo le passeggiate sul bagnasciuga, che portano beneficio grazie all’azione combinata dell’acqua marina e della sabbia.
  2. L’ALIMENTAZIONE: Mangiare in modo sano, evitando di salare le pietanze e di consumare cibi salati (salumi, formaggi stagionati, pesce affumicato, salatini, frutta secca tostata e salata), è il primo passo. Consumare frutta, verdura, formaggi freschi, fibre e cereali integrali ha effetti benefici contro la ritenzione: favorisce la motilità intestinale e diminuisce il rischio di stitichezza, disturbo che può ridurre il deflusso venoso addominale. A intervalli regolari, consigliamo di seguire un regime alimentare disintossicante, ricco di liquidi (tè, tisane drenanti, estratti di frutta).
  3. GLI INTEGRATORI: le erbe come betulla e tarassaco sono indicate per combattere la ritenzione idrica. Ti aspettiamo in farmacia per suggerirti gli integratori migliori per la tua situazione.
  4. L’IDRATAZIONE: fondamentale è una corretta idratazione quotidiana, soprattutto lontana dai pasti, bevendo un paio di litri di acqua al giorno. Le acque da preferire sono quelle oligominerali o minimamente mineralizzate per ridurre l’introduzione di sodio;
  5. , mentre
  6. NO:
    1. stare a lungo in piedi senza muoversi;
    2. sport come la pallavolo, la corsa o il tennis in quanto prevedono un frequente e pesante impatto con il terreno;
    3. le bibite gassate, quelle contenenti zuccheri non naturali e gli alcolici, in quanto, sebbene forniscano acqua, portano con sé anche molte altre sostanze non prive di calorie e che potrebbero quindi, in certe situazioni, andare ad accentuare il sovrappeso.

 

 

Post a Comment