Via Cernaia 14/A, Torino

Tel. 011/545009

 

Dal Lunedì al Sabato

8:00 – 20:00

info@farmaciapensa.it


Warning: trim() expects parameter 1 to be string, object given in /home/farman78/public_html/pensa/wp-content/plugins/select-core/widgets/blog-list-widget/blog-list.php on line 85

Articoli recenti

  • No products in the cart.
Image Alt

Il lavaggio nasale per il tuo bambino

Il lavaggio nasale per il tuo bambinodurata lettura di 1 min

Nei primi mesi di vita i bimbi respirano solo con il naso: se è chiuso, si trovano in difficoltà e faticano a mangiare e dormire.

I lavaggi nasali sono molto efficaci nel liberare il nasino, perché puliscono la mucosa da allergeni, batteri e polvere, la umidificano e donano quindi un grande sollievo.

Il liquido ideale è l’acqua termale, che contiene numerosi oligoelementi: di grande aiuto per la cura di diversi disturbi respiratori, deterge delicatamente il nasino e previene i raffreddori.

COME PROCEDERE PER IL LAVAGGIO DEL NASINO

Può sembrare un’operazione complessa, ma seguendo poche e semplici istruzioni vedrete che ne sarete perfettamente in grado:

  • Sistemate la testolina leggermente inclinata su un lato, evitando di piegarla all’indietro.
  • Inserite delicatamente il flaconcino con l’acqua termale nella narice e spruzzate il liquido (se la testa del bambino è appoggiata sul lato sinistro, spruzzate nella narice destra), orientando il getto verso l’orecchio opposto. In questo modo il liquido uscirà dall’altra narice.
  • Ripetete dall’altro lato.

PICCOLI ACCORGIMENTI

  • Quando il naso è particolarmente intasato, o se il bimbo è molto piccolo, può essere molto utile asportare l’abbondante muco: esistono appositi aspiratori e pompette manuali.
  • Prima di effettuare il lavaggio nasale ricordatevi di sistemare sotto il mento del bambino un panno o un fazzoletto, per evitare che si bagni.
  • Attenzione a non effettuare il lavaggio tenendo la testa piegata all’indietro, per non rischiare che il liquido vada di traverso al piccolo.

Può succedere che le prime volte, fino a che non ha preso confidenza con la cosa, il tuo bambino mostri di non gradire questo momento. In realtà, non è un’attività dolorosa, ma può provocare un po’ di solletico o anche un leggero fastidio: rendilo un gioco e diventerà presto divertente.

Post a Comment